LA PAROLA AI DODICENNI. A CARNEVALE LANCIATE UN BEL CIAMBELLONE

Vincenzo CoDy Marrapodi

DI VINCENZO MARRAPODI

Il vero carnevale è quello del divertimento e dell’originalità. Non è quello di spendere soldi a caso per schiuma da barba, uova o farina. Penso che sia una cosa davvero grave spendere soldi per del cibo e poi lanciarlo addosso alla gente, mentre c’è gente che muore di fame. Ogni anno nel mio paesino, i ragazzi, comprano molte uova e schiuma da barba e farina; e con esse il giorno di carnevale ne combinano di tutti i colori. Ma invece perché non mangiamo le uova e facciamo il pane con la farina e i soldi della schiuma da barba ce la teniamo per altre cose? Mia nonna racconta che una volta si travestivano in modo originale. Creavano loro il vestito; e si vestivano, per tradizione, i maschi da femmine e le femmine da maschi. Era molto divertente.
Oggi, invece, come abbiamo già detto, noi spendiamo un sacco di soldi per il costume migliore, per uova, farina e schiuma da barba. Questo è un caso economico e anche ambientale; economico perché spendiamo; ambientale perché inquiniamo. Ma i coriandoli non inquinano e con una pulita vanno via, le bombolette, invece, oltre a macchiare, inquinano perché dentro sono piene di gas. Quindi potremmo anche fare a meno di queste cose.
Il vero carnevale è di andare travestiti, con vestiti fatti dalla mamma o da noi stessi; è divertirsi con i coriandoli e altre cose come queste. Guardate un confronto tra il carnevale d’oggi e il carnevale di molti anni fa. C’è una differenza pazzesca, adesso noi bambini siamo viziati, e col passare del tempo, se continueremo così, il carnevale sarà una festa dedicata allo speco e ai guai. Qualche scherzetto va bene… e non bisogna offendersi; ma ricordate: A CARNEVALE OGNI SCHERZO VALE SE LO SCHERZO NON è TROPPO GRAVE