I BAMBINI CI GUARDANO. NO ALLA CENTRALE ELETTRICA.

DI FRANCESCA PERRUOLO

Nel mio paese stanno per avviare una stazione elettrica. Noi a scuola ne stiamo parlando tanto, soprattutto con la maestra di scienze che ci aveva parlato delle fonti esauribili e delle fonti rinnovabili. Tutti noi stiamo preparando qualcosa per evitare che la centrale venga messa in funzione. Per questo ieri , in ricreazione, abbiamo fatto due cartelloni aiutandoci con gli slogan che avevamo scritto con la maestra di scienze. Il risultato sono stati due cartelli colorati di rosso e nero. Questa centrale e stata approvata anche in mancanza di adeguati controlli del territorio, E stata sequestrata e poi dissequestrata e da un momento all’altro potrebbe essere attivata. Questo causerebbe un forte impatto ambientale, l’inquinamento dell’aria, del territorio e dell’acqua e rilascerebbe residui tossici, per non parlare del fatto che le case non sono a distanza di sicurezza e che proprio vicino alla centrale c’è un torrente.

Per questo hanno creato un comitato cittadino per evitare che sia aperta questa centrale. Stanno organizzando riunioni quasi tutti i giorni e piano piano stiamo spargendo voce in tutto il territorio , siamo sempre di più . Si stanno unendo a noi i sindaci dei paesi vicini, il vescovo e persone comuni che come noi si stanno rendendo conto di quanto è pericolosa questa centrale per la nostra salute. Sabato , 16 MARZO , ci sarà una grande manifestazione per le vie del paese per sensibilizzare quelli che ancora non hanno capito cosa provocherà questa centrale.