GUERRA E TERRORE MEDIATICO

Amedeo Ricucci

DI AMEDEO RICUCCI

L’Italia è il Paese dei corto-circuiti mediatici, dove i mass media gettano olio sul fuoco invece di analizzare e contestualizzare le notizie, forzando spesso e rilanciando qualsiasi dichiarazione, anche le più stupida, dei nostri uomini politici. L’isteria con cui si parla oggi della Libia è frutto di ignoranza, incompetenza e voglia di scioccare. Tranquillizzatevi: Non è vero che a Tripoli sventolano le bandiere dell’ISIS.

La situazione in Libia è peggiorata a luglio con un ritorno alla guerra civile. Noi ce ne siamo fottuti, perché ci interessava solo che si continuasse a pompare il nostro petrolio. Ad ottobre l’ISIS ha preso il controllo di Derna, all’est, e noi ce ne siamo fottuti. Adesso, improvvisamente, le minacce dell’ISIS vengo prese sul serio, urlate a nove colonne sui giornali. Vi sembra serio?

edicola-1