HARRISON FORD, INCIDENTE CON AEREO D’EPOCA IN CALIFORNIA

Giovanni Bogani

DI GIOVANNI BOGANI

Che la forza sia con lui. Harrison Ford si è schiantato con il suo aereo d’epoca, che pilotava lui stesso. Un’avaria a un motore e lo schianto. Harrison Ford ha usato tutta la sua esperienza di pilota per riuscire ad atterrare su un campo da golf, evitando le case vicine, la miglior manovra possibile per evitare un disastro, ma ciò che non ha potuto evitare è stato di schiantarsi al suolo. Adesso è ricoverato in un ospedale di Venice, Los Angeles. Pare non sia in pericolo di vita.

Ford che pilota un aereo d’epoca, risalente alla Seconda guerra mondiale, sembra una scena alla Indiana Jones, ma è tutto vero. È vero il volo, è vero lo schianto. L’aereo, un piccolo monomotore usato dall’aviazione americana negli anni ’40, era partito dall’aeroporto di Santa Monica. L’aeroporto delle star di Hollywood: lo usano in tanti, da Schwarzenegger a Tom Cruise, per i loro giocattoli. Via Twitter, il figlio dell’attore ha rassicurato: “Papà sta bene. Un po’ malconcio, ma ok”. Sarebbe un bel miracolo, sconfiggere la morte per l’uomo già sopravvissuto ai replicanti di Blade Runner e a mille altre avventure. Ford era decollato dall’aeroporto alle 2 di pomeriggio di ieri. Venti minuti dopo, ha detto alla torre di controllo che aveva un’avaria al motore e che stava tornando immediatamente. L’aereo aveva già preso quota e nella caduta, secondo alcuni testimoni, ha abbattuto un albero. L’aereo è un St3 Kr del 1942, con stelle sulle ali, è precipitato a poche centinaia di metri da un’arteria di traffico. Nessun ferito, oltre all’attore.

Un istruttore di volo che ha visto l’aereo di Ford cadere, Charlie Thomson, ha detto che l’avaria al motore non ha impedito a Ford di poter manovrare l’aereo: “Significa solo che devi andar giù”. L’attore/pilota ha ferite alla fronte e alle braccia e non è ancora chiaro se abbia emorragie interne o traumi di altro tipo. “Era cosciente, le sue funzioni vitali erano intatte quando lo abbiamo raccolto”, ha detto uno dei vigili del fuoco che hanno partecipato ai soccorsi.

L’aereo di Harrison Ford dopo l’incidente