MADONNA: UMILIANTE DENUNCIARE IL PROPRIO STUPRO

11000158_10204605447194671_5159657020502599947_n

DI ANTONIO AGOSTA

“Non vale la pena denunciare la violenza sessuale, è troppo umiliante”.
Dichiarazione shock della cantante Madonna durante uno show radiofonico più popolare d’Ameria, l’Howard Stern Show.

La Star più indiscussa di tutti i tempi, con oltre 300 milioni di dischi venduti in tutto il mondo e dalla vita eccentrica, ha parlato dello stupro subito all’età di 19 anni appena arrivata nella città di New York.

Nel 2013 Madonna scrisse un saggio per Harper’s Bazaar, accennando al brutto episodio che aveva subito nella Grande Mela. Nel saggio racconta l’accaduto nei dettagli e che non volle denunciare il fatto perché era troppo umiliante.

Madonna aveva un’idea diversa di New York, la immaginava una città che l’avrebbe accolta a braccia aperte. Non pensava di essere trascinata su un edificio con un coltello puntato sulla schiena e di subire una violenza sessuale.

L’amministrazione di Obama ha iniziato una lotta contro gli abusi delle donne, fenomeno diffuso nei college. Per l’organizzazione ‘Rape, Abuse & Incest National Network’, il 68% degli stupri non vengono denunciati e il 98% dei violentatori non fanno mai un giorno di galera.
In America, come in altri Paese del mondo, lo stupro vissuto in silenzio può portare al suicidio o all’abuso di alcol. E più di ogni altra cosa a una vita vissuta con il male di vivere dentro.

Forse, tutto questo polverone innescato dalla cantante le servirà come trovata pubblicitaria per l’uscita del nuovo lavoro discografico, oppure per sensibilizzare l’opinione pubblica.

Madonna canterà “Like a Virgin”, canzone di grande successo, proprio per dimenticare il torto subito.

"Madonna: è umiliante  denunciare il proprio stupro<br />
Di Antonio Agosta<br />
"Non vale la pena denunciare la violenza sessuale, è troppo umiliante".<br />
Dichiarazione shock della cantante Madonna durante uno show  radiofonico più popolare d’Ameria, l'Howard Stern Show.</p>
<p>La Star più indiscussa di tutti i tempi, con oltre 300 milioni di dischi venduti in tutto il mondo e dalla vita eccentrica, ha parlato dello stupro subito all’età di 19 anni appena arrivata nella città di New York.   </p>
<p>Nel 2013 Madonna scrisse un saggio per Harper’s Bazaar, accennando al brutto episodio che aveva subito nella Grande Mela. Nel saggio racconta l’accaduto nei dettagli e che non volle denunciare il fatto perché era troppo umiliante. </p>
<p>Madonna aveva un’idea diversa di New York, la immaginava una città che l’avrebbe accolta a braccia aperte. Non pensava di essere trascinata su un edificio con un coltello puntato sulla schiena e di subire una violenza sessuale. </p>
<p>L’amministrazione di Obama ha iniziato una lotta contro gli abusi delle donne, fenomeno diffuso nei college. Per l’organizzazione 'Rape, Abuse & Incest National Network', il 68% degli stupri non vengono denunciati e il 98% dei violentatori non fanno mai un giorno di galera.<br />
In America, come in altri Paese del mondo, lo stupro vissuto in silenzio può portare al suicidio o all'abuso di alcol. E più di ogni altra cosa a una vita vissuta con il male di vivere dentro. </p>
<p>Forse, tutto questo polverone innescato dalla cantante le servirà come trovata pubblicitaria per l’uscita del nuovo lavoro discografico, oppure per sensibilizzare l’opinione pubblica. </p>
<p>Madonna canterà “Like a Virgin”, canzone di grande successo, proprio per dimenticare il torto subito."