SIAMO SOLI SENZA STATO

Cristiana Panebianco

DI CRISTIANA PANEBIANCO

Ennesima violenza ai danni di un ragazzo omossessuale  massacrato di botte solo per aver dichiarato la sua diversità. Mi chiedo perché? Esiste un motivo che abbia una logica? Forse una qualche responsabilità sta anche in quella brutta cultura (ovviamente qui intesa come mancanza di cultura) razzista che spinge a considerare un mostro chi ha questa diversità. Frocio, checca, finocchio e cos’ altro? A volte questo tipo di pensiero e’ fomentato da famiglie arretrate e ottuse, accompagnato da sorrisetti deficienti. Che brutto paese che sta diventando questo: intere categorie di persone senza tutele. Stato assente. Io ho amici e amiche omosessuali e sono molto felice di averli.

Molto spesso li preferisco ai “normali.”