IL PROBLEMA DELLE BANCHE ITALIANE

 Elio Lannutti

DI ELIO LANNUTTI

Adusbef non è mai stata convinta dalle dichiarazioni ed esternazioni del fondatore di Algebris Davide Serra, ma come si fa a non condividere pienamente il giudizio espresso in merito alle banche italiane, sul problema di governance e sul governo societario degli istituti di credito, popolato da:“ presidenti di banche che sono lì da 20 anni a fronte di titoli che sono crollati anche del 90% e ci sono board che sembra di essere al Museo Egizio” ?
A cominciare dal presidente dell’Abi Antonio Patuelli, consigli di amministrazione e collegi sindacali delle maggiori banche e fondazioni bancarie azioniste, sono popolati da pachidermi che continuano imperterriti a restare legati alle poltrone, con abbondanti dose di attack, nonostante i disastri provocati specie nella gestione di affidamenti allegri, che hanno generato sofferenze per 185,5 miliardi di euro, che Bankitalia e Bce vorrebbero ‘socializzare’, addossandoli con la Bad Bank alla fiscalità generale.
Banchieri adusi a privatizzare i profitti, per pagare ricchi dividendi alle Fondazioni bancarie azioniste anche con bilanci critici, privi di fiducia e credibilità, vorrebbero oggi socializzare le perdite, supportati da un Governatore di Bankitalia che si è trasformato in lobbista, e da uno smemorato presidente Bce, dimentico dei disastri provocati nei fasti e nefasti di Governatore.

 

http://i.res.24o.it/images2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/2014/06/25/Impresa%20e%20Territori/ImmaginiWeb/abi-emblema-258.jpg?uuid=4e14646c-fb69-11e3-ae13-bdb984102498