LA DEPRESSIONE È NELL’INDOLE UMANA

 Ludovica Pallavicini

DI LUDOVICA PALLAVICINI

La storia della depressione è la storia dell’umanità, anche se il termine depressione quale connotante una sindrome psichiatrica è stato introdotto solo negli anni ‘ 20 dallo psichiatra tedesco Meyer.
La depressione è un esperienza affettiva universale, connaturata all’essere umano (si è arrivati ad affermare: finché non si è provato ad essere depressi non si é davvero uomo).

Rappresenta una delle modalità affettive con cui l’uomo si relaziona col mondo e permette all’uomo di superare le frustrazioni, le delusioni e le perdite. Ogni cambiamento, in quanto tale, è perdita di qualche cosa di noto e avventura dell’ ignoto e quindi comporta sentimenti di depressione per la perdita e di ansia per l’ignoto. Vivere significa affrontare continuamente cambiamenti e quindi è sempre presente il rischio di passare dalla depressione fisiologica alla depressione patologica.

La depressione ondeggia tra normalità e patologia: può essere infatti lutto (normale reazione alla perdita di una persona cara oppure una grave frustrazione) o malattia (si differenzia dal lutto soprattutto per durata, per quantità e per sproporzione rispetto alla causa scatenante). Il lutto permette, con il suo lavoro, di sciogliere il legame con la persona (o ideale) persa, che diventa un dolce ricordo e permette il recupero di nuovi rapporti affettivi e di nuovi investimenti nella realtà.

Il lavoro del lutto coincide con una depressione, in cui l’oggetto d’amore perduto è tenuto in vita dentro di noi, ma il principio di realtà prende il sopravvento e si è di nuovo capaci di guardare avanti. Quando però i sintomi depressivi non hanno un evento scatenante o persistono per troppo tempo, c’è perdita di autostima, il senso del tempo e dello spazio cambia e c’è la percezione dell’impossibilità di uscire dalla situazione, allora si entra nella patologia.

http://cdn.medicinalive.com/wp-content/uploads/2011/03/depressione.jpg