CHAMPIONS: ORGOGLIO BAYERN, MA IN FINALE VA IL BARÇA

 

DI DARWIN PASTORIN

Il Barcellona, a Monaco di Baviera, gioca soltanto un tempo, il primo. Subita la rete da Benatia dopo una manciata di minuti, i catalani reagiscono con fantasia e determinazione. Due assist di Suarez, due gol del brasiliano Neymar, con Messi a fare da ispiratore nella prima rete. A quel punto, la finale di Berlino è sicura. Forte del 3-0 dell’andata, i ragazzi di Luis Enrique mollano la presa, si “addormentano”. E, così, la ripresa diventa il festival dell’orgoglio tedesco. I giocatori di Pep Guardiola, trascinati da un pubblico comunque in festa, pareggiano con Lewandowski e conquistano il successo con Müller. È stato un match intenso, a tratti spettacolare. Il Barça ha dato sfogo alla propria, micidiale fantasia nei primi 45′, dove si è messo in luce, come fine dicitore, Rakitic. Adesso, tocca alla Juventus. Al “Santiago Bernabeu” i bianconeri partono dal 2-1 di Torino. Tornerà Pogba e tutti i sostenitori di Madama si attendono meraviglie e prodezze da parte del francese e del fuoriclasse argentino Tevez. La finalissima è lì: nelle ultime stagioni mai così vicina.