IO SONO SIRIANO

Amedeo Ricucci

DI AMEDEO  RICUCCI

LA LUNGA MARCIA. Come faccio a non sentirmi siriano? Come faccio a non condividere lacrime, angoscia, paura, disperazione e senso di impotenza di questo fiume di gente che avrebbe il sacrosanto diritto di esser trattata per quello che e’ – RIFUGIATI – e invece viene gestita come si gestiscono le mandrie di animali, come un problema di ordine pubblico? Qui a Opotovac, Croazia, vedo la Siria migliore umiliata e offesa nella sua dignita’. IO SONO SIRIANO.

La strozzatura e’ qui, al confine serbo-croato. 5000 profugho sono ammassati a Sid, in mezzo alla campagna serba, a 300 metri dal confine; e altri 4000 profughi sono bloccati dall’altra parte, nel campo- lager di Opatovac. Per fortuna il nostro gruppo e’ riuscito oggi a passare. Destinazione Ungheria. E poi Vienna, inch Allah.

foto di Amedeo Ricucci.