LA SINISTRA DEM HA MOLLATO

cinzia niccolai

DI CINZIA NICCOLAI

Cvd la minoranza dem ha smollato, accontentandosi di un accorducolo che non risolve il problema della non elettività dei senatori. Ma avevano bisogno di di rientrare in seno al partito col la speranza di essere nuovamente rimessi in lista. D’altronde cosa ti vuoi aspettare da dei nominati che devono votare su leggi che prevedono ancora che la rappresentanza sia affidata a candidati scelti dal leader del partito. Questa è l’ennesima prova di come la democrazia sia deformata da leggi elettorali che impediscono ai cittadini di scegliere i propri rappresentanti. Se poi vogliamo entrare nel merito dei senatori “scelti” dai cittadini all’interno delle liste regionali basta prendere ad esempio la legge elettorale toscana, che ha partorito un consiglio ad immagine e somiglianza del PD che, grazie al premio di maggioranza, ha ottenuto 24 consiglieri mentre gliene spettavano 21 (il che significa che le opposizioni ne hanno avuti 16 invece di 19, come risultava in base ai voti espressi). Ci hanno anche fatto credere di averli scelti questi rappresentanti, invece i cittadini hanno determinato solo l’ordine dei nomi in lista in ogni circoscrizione, e i candidati che hanno avuto più preferenze non sono quasi mai stati eletti perchè presenti in circoscrizioni penalizzate dalla legge. Il risultato (drogato) è stato che i fiorentini hanno eletto 1 consigliere ogni 81.000 abitanti, mentre ai più sfigati grossetani ne è toccato 1 su 220.000 abitanti. Diffidare quindi di chi dice che potremo scegliere i consiglieri che andranno al senato, tanto per parlare di elettività. Sul resto mi taccio per non scrivere un romanzo.