L’INFORMAZIONE È ORMAI DIVENTATA GUERRA

Giulietto_Chiesa

DI GIULIETTO CHIESA

(Risposta a Aldo Ponchito Procida)

Ciao Giulietto, ti scrivo a mò di conforto, non so se avrai il tempo di leggermi, ma lo faccio per un esigenza esistenziale e vitale per sentirmi vicino…perchè che solitudine è sapere, conoscere, informarsi seriamente…stasera a casa di amici mi sono ritrovato a fare l’invasato che prova a portare un po di luce sulle questioni geopolitiche attuali e mio malgrado mi son dovuto scontrare su un pensiero unilaterale contro Putin e contro la Russia portato avanti da persone con un “istruzione” superiore e di sinistra…con affermazioni che riprendevano a pappagallo la retorica e la propaganda eurocentrica e filoamericana ma senza nessuna consapevolezza…con un vuoto di contenuti e di idee che mi hanno lasciato sgomento…ed ho dovuto fare la parte dell’invasato di turno che tutto conosce e tutto sa, mentre il mio è il minimo impegno sindacale per scoprire quel che ci accade intorno…che sconforto però, sembra che la partita è persa se a questi livelli sociali il livello delle informazioni è tale, se le idee costituite sono cosi conformiste presupponendo di non esserlo…parole volate sull’Ucraina senza nulla sapere dei fatti, la solita canzone dei mancati diritti umani in Russia senza minimamente porsi serie domande sui diritti di quest’Europa totalitaria di cui siamo fautori…che pensiero minimo, che angustia di vedute senza alcun sapere su cosa sia la NATO e come si sia mossa aggressivamente dalla caduta del muro in poi…ma con argomentazioni da asilo nido sui mancati diritti dei Gay e la prepotenza dello zarismo putiniano…insomma un calderone di ignoranza e superficialità senza quartiere…davvero sconfortante…eppure in qualche modo ho dovuto reggere e “fare politica vera” lì, in quel contesto, mettendomi al rischio del giudizio inclemente e del ludibrio del convitato…insomma alcuni brutti momenti…fortuna che alla fine c’è l’umanità a salvarci e la comprensione che le persone non sanno, che è troppo faticoso per loro imparare, conoscere, aprire le vedute…chi sono io per giudicare dunque? Ma almeno la fatica di spiegare e farsi il sangue amaro per una buona mezz’ora devo prendermela…mio malgrado…Grazie Giulietto che ci sei, perchè almeno a te posso parlare sapendo di essere capito…è dura, ma l’uomo è questo…che sciagurati siamo noi pochi in evoluzione…un sincero e vero abbraccio e grazie del tuo lavoro

Caro Aldo, tu sul tuo fronte, io sul mio. Quello che mi scrivi è la regola. Esiste da cinquant’anni un fronte dove milioni di agiografi ed esecutori lavorano per ripetere fino all’ossessione le stesse falsità. E la gente, che non ha i mezzi per difendersi, le fa proprie. Ma, una volta capito il meccanismo e scoperto che noi siamo stati sconfitti, anche perché siamo in una mostruosa inferiorità numerica, non ci resta che combattere. Posso solo dirti che ci sono molti varchi aperti, che fino ad ora, non abbiamo saputo usare (anche perché ci mancava la teoria). Il primo passo è organizzare una sortita, anzi cento sortite. Pandoratv.it è una sortita importante. Ogni giorno vacciniamo qualche migliaio di persone. Ogni vaccinato diventa un moltiplicatore. Lo so che non basta. Dobbiamo puntare a una televisione nazionale. Così anche i lobotomizzati, quelli che “assorbono” le immagini, non potranno esimersi dal riconoscere che “l’ha detto la televisione”. La nostra.

images8FKSG7JN