“LE CORREZIONI” DI JONATHAN FRANZEN

fabrizio falconi

DI FABRIZIO FALCONI

 

E’ sempre difficile recensire un libro che ha avuto così grande successo. Come è capitato a Le Correzioni (The Corrections, 2002), con il quale Jonathan Franzen ha vinto il National Book Award e che gli ha assicurato la notorietà internazionale.

Il romanzo è stato pubblicato in Italia da Einaudi nell’ottima traduzione di Silvia Pareschi (ma con una copertina incredibilmente fuorviante: l’infanzia in questo libro non ha alcuna rilevanza, gli unici personaggi bambini, i figli di Gary, non entrano mai a pieno titolo nella narrazione).

Si tratta di un romanzo compiuto e felice, sebbene di contenuto molto duro e lucido.  Franzen affronta il preferito tema della famiglia (tornerà anche nel romanzo seguente, Libertà) e della sua apparente disgregazione e inaspettata sopravvivenza.

La famiglia di Franzen è composta da due anziani genitori, la materna e fragile Enid e il rocciosoAlfred, alle prese con l’avanzamento letale del Parkinson e con il disfacimento fisico e psichico.

I tre figli della coppia sono – nell’ordine in cui il romanzo ce li presenta, in parti apparentemente distinte – Chip, insegnante licenziato e sceneggiatore fallito, il più irregolare dei tre, sempre attratto dalle donne e da una improbabile affermazione personale; Gary, il più regolare, sposato con la bella Caroline e padre di tre figli;  e Denise l’unica femmina, provetta cuoca e dilaniata dal una sessualità confusa (divisa tra l’attrazione per gli uomini e per le donne).

Come sempre in Franzen, l’architettura del romanzo è prodigiosa.  In parti solo formalmente separate, si intrecciano le storie reciproche dei figli e dei genitori, con continui flash back e flash forward che danno al racconto una incontenibile forza fluida.

Franzen ha il pregio di non assumersi mai il ruolo di giudice morale di quanto racconta.  Le sue considerazioni di narratore sono lievi, ironiche e non entrano mai nel merito dei destini individuali.

L’orizzonte è confuso. Quel che resta della famiglia americana (e occidentale) è un grumo di sentimenti contrastanti: odio feroce, irrequietezza e forza del vincolo, che prevale o sembra prevalere su ogni istanza individuale dei protagonisti.

Con la pazienza di un entomologo, Franzen dispone il catalogo delle personalità – e delle feriteche stanno alla base di queste – e risale al vizio ante-litteram del matrimonio generante (quello tra Enid e Alfred) fondato su un gigantesco equivoco: Enid ama il corpo di Alfred e vorrebbe essere riamata per quello che è; ma Alfred è un ostinato, che continua a ripetere il suo no alla vita, fino all’ultimo istante.

Questo no di Alfred pesa come un macigno anche sulle cronistorie dei figli, sui loro destini irrisolti. Anche e specie in quello di Gary, che sembra quello meglio sistemato e che invece è il più frustrato di tutti (e il più insopportabile nella sua presunzione di sapere sempre cosa è meglio e di poter dare ordini agli altri).

Franzen racconta questi personaggi con enorme com-passione. Indugia a volte troppo, si esercita qui e là nell’auto-compiacimento di chi sa di disporre di tutti i mezzi narrativi. Ma in fondo non bara mai. E’ cosciente e responsabile, lascia i personaggi agire, li osserva li perdona e li ama, come avveniva nella lezione del più grande dei narratori, Tolstoj.

Il grande piacere della lettura – pur nel livello quasi straziante delle disperazioni personali – è forse dovuto proprio a questo. E non decade mai, fino al punto finale (che spetta, come sempre, alla morte).

http://fabriziofalconi.blogspot.it/2015/10/le-correzioni-di-jonathan-franzen.html