LA STRAGE DI PARIGI E’ ANCHE UNO STRAORDINARIO CASO DI INEFFICIENZA POLIZIESCA

flavia perina

DI FLAVIA PERINA

Se fosse stata una rapina, e non una strage, sarebbe raccontata come uno straordinario caso di inefficienza poliziesca: l’ideatore del colpo star del web e già noto alle polizie di tutta Europa; il capobanda, suo ex compagno di cella, pluri-segnalato; l’auto della fuga manco rubata, di proprietà di un altro schedato, lasciata passare tranquillamente alla frontiera la notte stessa dei fatti; l’armiere con la fabbrica di esplosivi in cucina, così tranquillo che si scorda di buttare gli avanzi d’esplosivo; l’ordine di agire che arriva sui cellulari, cellulari non intercettati malgrado tutto il clan sia negli elenchi di quelli da tener d’occhio. Però è una strage. E quindi, a dire queste cose, sembra che uno banalizzi, sottovaluti, dietrologizzi, perché c’è l’orrore e dietro l’orrore deve esserci geometrica potenza, punto.