A PARIGI UN ACCORDO STORICO SUL CLIMA

annalisa minutillo
DI ANNA LISA MINUTILLO

Hanno raggiunto un’intesa di vitale importanza i delegati Onu che si sono riuniti nella Capitale francese per contrastare i cambiamenti climatici
Via libera all’accordo sul clima a Parigi. I delegati dei 195 Paesi, ai quali si aggiungono tutti i membri dell’Unione europea, hanno approvato un testo che diventerà storico. Si tratta di una carta che ha ricevuto l’ok dalla XXI conferenza internazionale dell’Onu, riunita nella Capitale francese per trovare un’intesa atta acombattere i cambiamenti climatici.
L’approvazione del documento è stata celebrata dal presidente della Conferenza, Laurent Fabius, e dai rappresentanti dell’Onu, con calorosi abbracci sul palco. Per sancire questo accordo sul clima, ha commentato Fabius, “devo battere con il martello, è un piccolo martello ma penso che possa fare molto”.

“Siamo nella storia” ha commentato con questa affermazione l’evento il ministro dell’Ambiente italiano, Gian Luca Galletti. “E a questa storia – ha continuato – ha contribuito anche l’Italia, che sin dall’inizio con tutta l’Europa ha creduto nell’obiettivo ambiziosissimo di 1,5 gradi”.
Il presidente Usa Barack Obama ha scritto su Twitter: “E’ enorme: quasi tutti i Paesi del mondo hanno appena firmato per l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, grazie alla leadership americana”. “Questa è la migliore chance che abbiamo” di salvare il Pianeta.

L’accordo sul clima “non è perfetto, ma fornisce un quadro durevole – ha sottolineato il presidente degli Stati Uniti -. Insieme abbiamo raggiunto un accordo di cui il mondo ha bisogno”.
Il premier britannico David Cameron ha deciso di salutare con un tweet lo “storico accordo” sul clima.

Questo accordo “getta le basi per progressi nella lotta alla povertà, rafforza la pace e garantisce una vita dignitosa e opportunità per tutti”, ha scritto in un tweet il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon.

“L’accordo sul clima a Parigi è un passo in avanti decisivo. Italia protagonista, oggi e domani”. Lo scrive il presidente del Consiglio Matteo Renzi, commentando su Twitter il risultato della Cop21.

“A Parigi ci sono state grandi rivoluzioni in due secoli ma oggi è una grande rivoluzione per il Pianeta contro il cambiamento climatico”. Così il presidente francese Francois Hollande nel discorso ai delegati della Cop21 rilevando che “la data 12 dicembre resterà una grande data per il pianeta”, in cui si segna un passo importante nella “lotta per l’uguaglianza e i diritti umani, grazie a voi”.

 

foto di Anna Lisa Minutillo.