VIETATO L’INGRESSO ALLA CULTURA PER GLI EXTRACOMUNITARI

vanni capoccia

DI VANNI CAPOCCIA

Ma come si fa ad escludere dal bonus di “500 euro ai diciottenni” giovani che sono venuti in Italia da bambini, molti dei quali addirittura nati nel nostro Paese? Che stanno gomito a gomito con i loro compagni di classe che lo riceveranno? Che vedranno i loro amici utilizzarlo?

Chi ha deciso questo bonus afferma che sarà un investimento “sulla cultura contro il terrorismo”. Certo che bisogna essere dotati di una buona dose di fantasia per dire che sia a favore della cultura e contro il terrorismo un atto discriminatorio che sa anche di razzismo. Che farà entrare gratis a teatro, cinema, musei, zone archeologiche e parchi naturalistici diciottenni escludendo quelli che vengono chiamati “extracomunitari”. Che entra tra i diciottenni in maniera così ghettizzante in una fase della vita molto delicata e nella quale sentirsi parte di un gruppo è indispensabile alla crescita.