ANCHE L’AMERICA NEL SUO PICCOLO…

irene gironi carnevale

DI IRENE GIRONI CARNEVALE

Dopo aver vissuto per anni nella convinzione di vivere nel Paese campione per elusione di leggi, regole, autorizzazioni, celebrato e deriso a ragione da mezzo mondo, pateticamente dedito a scimmiottare grottescamente tutto il peggio che arriva da oltreoceano, si scopre, per bocca di Obama, che non solo in America, come tutti sappiamo bene, è possibile sparare a chicchessia detenendo un’arma comprata in un posto qualunque e magari portata a casa insieme alle buste della spesa, ma che la maggior parte dei venditori di armi è sprovvisto di una licenza e naturalmente non opera nessun controllo sull’acquirente che può tranquillamente essere il nipote di Barbablù o un paranoico a piede libero che ha deciso di sterminare l’allegra famigliola che abita a fianco a lui. Come dire: gli americani non hanno nulla da imparare da noi. E se riusciranno ad eleggere Trump presidente potranno dire di averci superato: noi l’imprenditore milionario con i capelli posticci che fanno ridere i polli e che fa battute imbarazzanti sulle donne, sugli immigrati, sugli afroamericani l’abbiamo avuto solo come capo del Governo.