GLENN FREY DEGLI EAGLES, UN’AQUILA VOLATA IN CIELO

andrea grasso

DI ANDREA GRASSO

Un altro musicista famoso se n’è andato in questo Gennaio 2016 che finora sembra essere stato terribile per gli appassionati di musica: Glenn Frey, co-fondatore e chitarrista degli Eagles, è morto lunedì 18 Gennaio a New York all’età di 67 anni.
Ne dà l’annuncio ufficiale proprio il sito degli Eagles, che aggiunge come Glenn abbia combattuto nelle scorse settimane una coraggiosa battaglia ma alla fine si sia dovuto arrendere alle compilcazioni di artrite reumatoide, colite ulcerosa acuta e polmonite.

Frey, nato a Detroit, ha incontrato nel 1970 Don Henley, unendosi a lui nella band di Linda Ronstadt e formando in seguito gli Eagles insieme agli altri due musicisti Randy Meisner e Bernie Leadon.
Frey oltre a suonare la chitarra e le tastiere, ha cantato come solista molti dei successi del gruppo, tra cui Take It Easy e New Kid In Town, e con Henley ha formato un duo di compositori che ha scritto la maggior parte dei brani degli Eagles, compresa la celeberrima Hotel California (con l’aggiunta in questo caso dell’altro chitarrista Don Felder).

Con lo scioglimento del gruppo nel 1980, dopo un decennio di enormi successi, ha anche intrapreso una buona carriera solista, che in particolare si distingue per due hit abbastanza conosciute in quanto legate a due colonne sonore: The Heat Is On (da Beverly Hills Cop) e You Belong To The City (da Miami Vice, dove Frey ha anche recitato).
Frey ha anche partecipato come attore in alcuni film tra cui Jerry Maguire.

Nel 1994 gli Eagles si sono riuniti e hanno ricominciato a fare concerti in giro per il mondo, con lo stesso successo di quelli degli anni 70; il loro ultimo album in studio, Long Road Out Of Eden, è del 2007.

Poco dopo l’annuncio della morte il socio Don Henley ha diffuso un comunicato in cui paragonava Glenn a un fratello, dicendosi grato per averlo incontrato in quanto ha cambiato la sua vita e dando a lui il merito di colui che ha iniziato tutto grazie alla sua visione, alla sua conoscenza della musica popolare e alla sua etica del lavoro.

12509813_10208600150031179_8670081077656133901_n