SIRIA: ALEPPO RISCHIA DI MORIRE, PER SEMPRE

amedeo ricucci

DI AMEDEO RICUCCI

 

Aleppo è sotto assedio dall’estate del 2012, ad opera del regime sanguinario di Bashar al Assad (e non certo dell’ISIS o di Jabhat al Nusra). Sono perciò i bombardamenti del regime, in particolare le BARREL BOMB – una sorta di barbara punizione collettiva per la popolazione civile che ha osato ribellarsi – ad aver provocato in questi anni l’esodo massiccio della popolazione civile. L’intervento dei bombardieri russi e delle milizie hezbollah + iraniane rischiano ora di seppellire in un ultimo bagno di sangue le speranze di libertà e di democrazia per cui il popolo siriano, ad Aleppo e altrove, in tutta la Siria, si era rivoltata nel 2011. Altro che “liberazione” di Aleppo, come tuonano molti media mainstream, stregati dalla propaganda di Assad, Putin e dei loro alleati !!!

ALEPPO RISCHIA DI MORIRE, PER SEMPRE.

Che si scenda in piazza perciò tutti, al più presto, in segno di solidarietà con la popolazione di Aleppo, per chiedere la fine dei bombardamenti russi e per ricordare a tutti che la RIVOLUZIONE SIRIANA non potrà essere messa a tacere nonostante i martiri che ha già dato.