REMOCONTRO. L’EGITTO E LA PRATICA SISTEMATICA DELLA TORTURA

ennio remondino

DI ENNIO REMONDINO

“L’enigma Regeni”, lo chiamano a Il Cairo. Enigma? In attesa che chi sa parli, la delegazione investigativa egiziana è a Roma per fornire ai colleghi italiani i risultati delle indagini sulla morte di Giulio. Prova verità per l’Egitto delle inverosimili ‘verità di Stato’ tentate sino ad oggi. Il generale Khaled Shalabi è il nome sul quale potrebbero ricadere le colpe ufficiali del massacro di Giulio. Ma scopriamo che la pratica della tortura in Egitto non è certo un caso isolato con un solo colpevole.

http://www.remocontro.it/2016/04/07/legitto-e-la-pratica-sistematica-della-tortura/