IN TV MANCA IL DIBATTITO POLITICO COSTRUTTIVO

DI ADELAIDE CONTI

ADELAIDE CONTI

Non sono una grillina. Premesso ciò, ieri non ho potuto fare a meno di solidarizzare con l’onorevole Danilo Toninelli, ospite insieme a Vittorio Zucconi e Gianfranco Fini del programma della Gruber. Mi sorge il dubbio che le contestazioni di una parte dell’informazione rivolte al movimento di Grillo siano in larga parte figlie di un atteggiamento pregiudiziale. Ieri sera il giornalista sfoderava con disinvoltura un sorissetto che tradiva un restropensiero fastidioso. Non c‘è la voglia di raccontare seriamente ciò che in questo Paese non va, ma solo l’insana abitudine (tutta italiana) di attaccare l’altro per dimostrare che si è più bravi, più svelti nel rispondere, più persuasivi. La polemica rimane l’unico mezzo per esprimere un’opinione. Tutto ciò, trasforma il dibattito in una gara a chi riesce ad accativvarsi l’attenzione del pubblico. Non c’è confronto costruttivo, non c’è dialogo ma solo una sequela di parole pronunciate a vuoto. Un siparietto desolante e privo di sostanza.
Sempre meno interessante questa tv frequentata da inguaribili narcisi.

untitled