GRAZIE BARACK OBAMA PER AVERCI FATTO SOGNARE!

DI GERARDO D’AMICO

GERARDO D'AMICO
Obama è stato un Presidente che ha più fatto sognare, sperare, che inciso realmente su molti versanti interni ed internazionali. La riforma sanitaria l’ha fatta, ma è stata azzoppata e resa minimal anche dal suo partito. L’economia americana è cresciuta e la disoccupazione è ai minimi, ma il salario base , quello che prendono i più poveri, è rimasto tale, mentre i ricchi non hanno pagato più tasse. Malgrado lui sia nero, mai come sotto la sua presidenza sono cresciute le tensioni razziali, nel suo Paese. Guantanamo lo ha (quasi) svuotato ma non chiuso. I militari dall’Iraq li ha ritirati, ma Russia e Cina hanno aumentato la loro influenza in medio ed estremo oriente. Insomma, tanti chiaroscuri. Dovuti anche a due mandati in cui ha dovuto lottare con un Senato che gli è sempre stato contro. Ma Obama lascia l’eredità più importante: ha fatto sperare e sognare, in modo onesto. Ci ha provato. È per questo che il mondo libero deve dire grazie a quest’uomo.