IL MALTEMPO FLAGELLA L’ITALIA LATITANTE NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

DI GERARDO D’AMICO

GERARDO D'AMICO
Incredibile, è tornato il maltempo, che meraviglia, e chi se lo aspettava! A Venezia c’è l’acqua alta, quella che doveva essere solo un ricordo, visto che abbiamo speso parecchi miliardi per il magico Mose, le paratie che dovevano bloccare le maree e per il momento bloccano in carcere qualcuno di quelli che hanno rubato i soldi, ma tra ricorsi ed appelli e prescrizioni alla fine chi s’è visto s’è visto. Genova di nuovo in allarme rosso, dopo due alluvioni a stretto giro i lavori sono ancora in corso, senza fretta. Alberi che cadono sui treni, visto che nessuno li pota, o rifanno manti stradali tranciando le radici. È la natura: ma quella degli uomini. Nello specifico, degli uomini italiani.