PRIVATIZZARE PER PRIVARE

DI MANUELA PALERMI
MANUELA PALERMI
Il 27 settembre al parlamento greco Saramago l’ha fatta da protagonista. Alcuni di Unità Popolare, il partito nato dalla scissione di Syriza nell’agosto del 2015, hanno lanciato dalle gradinate fotocopie di un breve testo di Saramago sulle privatizzazioni. Caos, spintoni, urla. Alla fine il pacchetto di privatizzazioni presentato da Syriza e dai suoi alleati è passato con 152 voti contro 141. Una vera schifezza, una sorta di legge omnibus, di quelle che usano anche in Italia, in cui c’è una lista di imprese e servizi pubblici che saranno trasferiti in un “Superfondo per le privatizzazioni”. Nel pacchetto approvato le privatizzazioni riguardano l’acqua, l’elettricità, il mercato elettrico e, visto che c’erano, ci hanno infilato la cancellazione di ogni “eccezione” riguardante le pensioni. Vi scrivo in spagnolo il testo di Saramago, tanto si capisce, è semplicemente splendido.
“Que se privatice Machu Picchu, que se privatice Chan Chan, que se privatice la Capilla Sixtina, que se privatice el Partenón, que se privatice Nuno Gonçalves, que se privatice la catedral de Chartres, que se privatice el Descendimiento de la cruz de Antonio da Crestalcore, que se privatice el Pórtico de la Gloria de Santiago de Compostela, que se privatice la cordillera de los Andes, que se privatice todo, que se privatice el mar y el cielo, que se privatice el agua y el aire, que se privatice la justicia y la ley, que se privatice la nube que pasa, que se privatice el sueño, sobre todo si es diurno y con los ojos abiertos. Y, finalmente, para florón y remate de tanto privatizar, privatícense los Estados, entréguese de una vez por todas la explotación a empresas privadas mediante concurso internacional. Ahí se encuentra la salvación del mundo… Y, metidos en esto, que se privatice también a la puta que los parió a todos”.