AUGURI A MONICA VITTI, PROTAGONISTA DI CAPOLAVORI DELLA STORIA DEL CINEMA ITALIANO

DI CARMEN VURCHIO
CARMEN VURCHIO
Compie 85 anni il 3 novembre, la grande attrice Monica Vitti.
Chi non la conosce? Chi non ha mai visto un suo film? Chi non l’ha mai seguita a teatro o in televisione? L’attrice dalla voce roca, sua peculiarità.
Alberto Sordi, Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi, sono solo alcuni dei tanti “colleghi” che hanno avuto l’onore di recitare al suo fianco. Lei, che spaziava dai ruoli drammatici a quelli allegri e spensierati, fino a quelli di seduttrice. Lei che ha fatto collezione di premi, dai cinque David di Donatello come migliore attrice protagonista, al Leone d’oro per la carriera a Venezia, tanto per citarne alcuni.
Musa di Michelangelo Antonioni, in un intreccio di lavoro e sentimenti. Talentuosa attrice comica per Mario Monicelli.
Il quotidiano Le Monde la diede addirittura per morta: “Monica Vitti si è suicidata”. Notizia smentita dalla diretta interessata ma che le ha portato bene perché effettivamente, come aveva immediatamente commentato lei, questa gaffe “le ha allungato la vita”.
E così tra un successo e l’altro è arrivata a spegnere 85 candeline, anche se non la vedremo sorridere davanti a una torta.
Si è mostrata al pubblico per l’ultima volta quattordici anni fa, per poi ritirarsi a vita privata. Colpa di una malattia degenerativa. Di cosa soffra esattamente non si sa. Vive il suo dolore in forma riservata, circondata da pochi amici e dai suoi cari.
C’è chi dice sia ricoverata in una clinica svizzera e che abbia una sorta di Alzheimer ma non si tratta di notizie confermate.
Certo è che la sua lontananza dagli schermi non ha fatto dimenticare sua grandezza. Resta una delle attrici più amate, protagonista di capolavori della storia del cinema italiano.
Cara Monica Vitti, tanti auguri. Sappi che anche se hai deciso da tempo di vivere a riflettori spenti, continui e continuerai a brillare per il tuo talento: unico e probabilmente irripetibile.