” L’UNITA'”: TERMINATA PRIMA ANCORA DI INIZIARE L’AVVENTURA DI MARCO BUCCIANTINI ALLA SUA DIREZIONE

DI MICHELE ANSELMI

https://alganews.wordpress.com/
L’avevano nominato poco più di venti giorni fa, l’8 aprile. Ma è già finita l’avventura del giovane e toscano Marco Bucciantini alla direzione del quotidiano “l’Unità”. Aveva preso il posto di Sergio Staino, e sembrava che la nuova guida avesse portato qualche frutto, se non nelle vendite in caduta libera almeno nella fattura del quotidiano sempre a un passo dalla chiusura. Contrordine: all’amministratore delegato Guido Stefanelli non va bene neppure Bucciantini, probabilmente perché non ha accettato il draconiano “piano” aziendale che prevede il taglio di due terzi dei redattori. Così almeno si legge nel comunicato sindacale che appare oggi a una colonna di spalla sulla prima pagina del quotidiano che fu organo del Pci, del Pds, dei Ds e forse del Pd. Qui sotto il comunicato sindacale pubblicato oggi sulla prima pagina del giornale. Intanto Sergio Staino starebbe già scaldando i motori per il suo ritorno alla guida del giornale in una sorta di Staino-bis. Se fosse vero, la farsa, per quanto tragica e per nulla divertente, continuerebbe.
———
IL COMUNICATO SINDACALE. “Domani l’Unità non sarà in edicola, non sarà ai gazebo dove il popolo del Partito democratico sceglierà il nuovo segretario e non seguirà lo spoglio dei risultati delle primarie. Non ci sarà perché ieri l’azienda ha messo in atto l’ennesima gravissima provocazione. Dopo aver convocato il comitato di redazione per la presentazione del piano editoriale del nuovo direttore Marco Bucciantini, che si proponeva di rilanciare il giornale, contenere i costi aziendali e avviare il sito Internet, l’azienda ha dato mandato ai propri rappresentanti legali di comunicare che il direttore non avrebbe dovuto partecipare all’incontro in quanto concluso il suo incarico. I legali hanno inoltre comunicato al cdr che a breve sarà nominato un nuovo direttore con pieni poteri che dovrà aderire al progetto dell’azienda che prevede un ingente numero di licenziamenti collettivi.
“Tutto questo nel giorno in cui l’amministratore delegato Guido Stefanelli ha comunicato l’intenzione dell’azienda di corrispondere alle lavoratrici e ai lavoratori una quota dello stipendio di aprile pari al 5% della retribuzione in seguito ad un pignoramento eseguito per conto di un creditore. L’assemblea dei redattori giudica gravissimo oltre che umiliante il comportamento dell’azienda che, di fatto, scarica sugli stipendi dei lavoratori le proprie inefficienze e incapacità gestionali.
“Ma ancora più grave è che, alla luce delle comunicazioni di ieri, la proprietà abbia di fatto interrotto unilateralmente un confronto appena avviato con il cdr e con la Fnsi in vista della riduzione dei costi aziendali e del rilancio del quotidiano. Le proposte del direttore Marco Bucciantini, che l’azienda ha rigettato in modo sprezzante, rappresentavano il tentativo {l’unico mai fatto sino ad oggi dall’inizio di questa vertenza) di percorrere una strada che tenesse insieme il rilancio del prodotto, il contenimento dei costi e la salvaguardia del maggior numero possibile di posti di lavoro.
“Ringraziamo Marco Bucciantlni per questo suo tentativo e per il coraggio con cui lo ha difeso, certi che nessun altro direttore si presterà, per la prima volta nella storia dei quotidiani italiani, ad avallare licenziamenti collettivi che non permetterebbero di accedere neanche agli ammortizzatori sociali. Il fatto che l’ad Guido Stefanelli abbia respinto senza appello o approfondimenti il piano editoriale significa una cosa soltanto: a questa proprietà non interessa il futuro del quotidiano, la sua qualità e la sua sopravvivenza.
“Unico interesse è quello di ridurre drasticamente il numero delle dipendenti e dei dipendenti de l’Unita, non già il costo del personale su cui si sarebbero potute comunque ottenere importanti economie (ma senza impatti devastanti sul corpo redazionale) attraverso gli interventi prospettati dal direttore. L’azienda ha comunicato infatti l’intenzione di procedere al licenziamento di un numero di redattori vicino alle 20 unità a fronte di una redazione che, al momento, è composta da 28 unità. E evidente che mettere in atto questo piano aziendale significa segnare definitivamente il destino di questo giornale relegandolo, nella migliore delle ipotesi, ad un ruolo marginale e ad una sopravvivenza di corto respiro.
“Per questo motivo oggi nessun redattore firmerà il giornale e domani l’Unità non sarà in edicola in uno dei giorni più importanti della vita politica italiana. Questa azienda, purtroppo, ha dimostrato di non avere interesse alcuno per il prodotto e ha deciso di continuare sulla strada delle minacce, dei ricatti e delle umiliazioni dei lavoratori. Per noi è arrivato il momento di dire basta e ricordare all’amministratore delegato Guido Stefanelli e all’editore Massimo Pessina che per tutelare i diritti calpestati esistono i luoghi deputati. In primis i tribunali”.