ANZIANO SPINTO DAGLI SCOGLI: FERMATI UN 15ENNE E UN 17ENNE

DI CARLO PANSERA
received_1265614733526932
Omicidio volontario a scopo di rapina: è questa l’accusa ai due minorenni di 15 e 17 anni fermati per aver spinto ieri due anziani da una scogliera a nord di Monopoli, provocando la morte del 77enne Giuseppe Dibello. I due ragazzi sono stati bloccati dai Carabinieri su ordine della Procura per i Minorenni di Bari. I ragazzi si trovano attualmente nell’istituto Fornelli di Bari. A prova di quanto accaduto ci sono le dichiarazioni dell’ amico della vittima, il 75enne Gesumino Aversa, anche lui spinto in mare durante l’aggressione, ma rimasto fortunatamente illeso, le immagini delle telecamere di videosorveglianza. I due ragazzi sono stati sentiti durante la notte come persone informate sui fatti. A quanto si apprende, non hanno ammesso nulla, ma sarebbero caduti in contraddizione su diversi aspetti della vicenda, rafforzando quindi i sospetti degli investigatori. Stando a quanto ricostruito fino ad ora, nel primo pomeriggio di ieri i due pensionati si sarebbero incontrati per un caffè in un bar della città. La vittima aveva appena riscosso la pensione e questo ha indotto i militari ad ipotizzare che l’aggressione fosse maturata durante un tentativo di rapina. Quando però il corpo è stato rinvenuto dall’acqua, l’uomo aveva in tasca tutto il denaro. L’intenzione dei due giovani di impossessarsi dei soldi potrebbe essere sfumata dopo il diverbio che ha portato agli spintoni e alla fatale caduta. Dal bar, infatti, i due avrebbero seguito gli anziani fino alla scogliera e, approfittando della loro distrazione, li avrebbero spinti facendoli precipitare durante un litigio legato probabilmente al tentativo di sottrarre loro il denaro che avevano in tasca.