LA GAFFE DI DI MAIO SUL VITALIZIO DI LUCA BONESCHI

DI FLAVIA PERINA

https://alganews.wordpress.com/

 La gaffe di Luigi Di Maio su Luca Boneschi, l’avvocato radicale (morto da un anno) e indicato dal medesimo Di Maio tra i titolari dello scandaloso vitalizio («Deputato per un giorno e ancora prende i soldi!!!!»), dovrebbe suscitare più specifiche riflessioni su questi nuovi Savonarola che mettono nello stesso cesto i privilegi e la storia, gli abusi e un’idea di politica più larga di una puntata di Porta A Porta, senza sapere un tubo, senza distinguere, con l’istinto malato dei contadini col forcone che partono per la caccia alle streghe. Cari, ci sono persone – Boneschi, che tra l’altro difese le famiglie di Giorgiana Masi e Roberto Franceschi, ma anche altri – alle quali la politica dovrebbe fare un monumento perché ci sono stati, lì, nel palazzo, non per gli affari loro ma per gli affari di tutti, e altro che un vitalizio: dovremmo dargliene tre. Potevano fare altro, costruirsi carriere e conti in banca nei favolosi Settanta dei soldi facili. Sono stati soggetti attivi della nostra democrazia nei momenti complicati, non in questi tempi da operetta. Buttarli della spazzatura dei mangiapane a ufo fa schifo e vi dovreste vergognare.