REMOCONTRO. RIBELLI ANTI ASSAD SENZA SOLDI USA, SIRIA E MO SI CAMBIA

DI PIERO ORTECA

https://alganews.wordpress.com/

I tagli decisi da Trump dopo gli accordi con Putin ad Amburgo. In Siria, sostegno Usa solo alla lotta al Califfato. La nuova strategia americana: cosa cambia in Medio Oriente. cosa cambia per l’Europa con l’Atlantico sempre più largo.

Donald Trump, un colpo al cerchio e uno alla botte, continua a dare pratica applicazione alle intense raggiunte con il Cremlino da lunga pezza. L’ultima mossa, presa in un assordante silenzio, è stata quella di emanare una direttiva presidenziale, che toglie alla Cia un bel po’ di risorse, necessarie per sostenere la guerra in Siria. Intendiamoci, è una partita di giro: non si tratta propriamente di dollari destinati agli 007 americani, ma dei finanziamenti indispensabili per rifornire di armi e munizioni i ribelli anti-Assad. È anche un segnale che ormai alla Casa Bianca e al Pentagono hanno dato il Califfo e il Califfato per definitivamente accoppati. O quasi.

E tanto per accendere le luci al neon su questa decisione, il portavoce delle forze della coalizione, il colonnello dell’esercito USA Ryan Dillon, ha informato tutti, urbi et orbi, che d’ora in poi Washington sosterrà solo la lotta contro l’Isis. Strafregandosene implicitamente di quella contro Assad. Tutto questo mentre i russi, zitti zitti e quatti quatti, hanno trasferito i loro reparti militari dotati di armi e strumentazioni sofisticate ad appena 8 km. dal Golan, facendo venire i sudori freddi alla schiena di mezzo governo israeliano. A metà del mese, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, il Ministro della Difesa Avigdor Lieberman e il capo di Stato maggiore dell’esercito di Gerusalemme, luogotenente generale Eisenkott, hanno visitato le installazioni della divisione Bashan, posizionata giusto di fronte allo schieramento dei russi.

CONTINUA SU:

http://www.remocontro.it/2017/07/30/ribelli-anti-assad-senza-soldi-usa-siria-mo-si-cambia/