EQUITALIA CHIUDE. PAROLA DI MATTEO RENZI

DI LUCIO GIORDANO

Lucio

Nel consueto appuntamento settimanale con gli utenti facebook,  per il Matteo risponde , un Renzi  senza incertezze ha detto: “ Equitalia al 2018 non ci arriva. Stiamo riorganizzando il sistema perché  esso sia sempre più a disposizione del cittadino e non vessatorio”. Bene, bravo, bis. A parte che la proposta di abolire Equitalia era stata fatta anche dai 5 stelle circa un anno fa, c’è da dire che pur arrivando secondo, l’attuale presidente del consiglio ha colto in pieno una delle storture burocratiche del Paese, forse la più odiosa: Equitalia. E bene fa Renzi a parlare di sistema vessatorio.
Intendiamoci: le tasse è giusto, giustissimo che vengano pagate da tutti. Ma se c’è da stanare  senza incertezze qualcuno, quello è il grande evasore che porta i capitali all’estero oppure le multinazionali che pagano (per modo di dire) le imposte nei paradisi fiscali.  In questi anni, invece,  Equitalia ha vessato con interessi da usuraio i cittadini più poveri, i piccoli imprenditori, gli artigiani, spingendoli  dritti dritti al suicidio . In parallelo, alcuni dirigenti dell’Agenzia delle entrate, proprio negli ultimi tempi, sono stati arrestati per truffa e corruzione. C’è  dunque qualcosa che non va nel sistema. E bene ha fatto Renzi a sottolinearlo.
Anzi, al posto suo avrei partorito un decreto d’urgenza per abolire Equitalia entro il 2016 e riorganizzare  subito e con intelligenza il sistema tributario, puntando tutto sulla lotta all’evasione dei potenziali contribuenti più ricchi. Poi a cascata, dopo aver costretto a pagare  i grandi evasori, avrei puntato su quelli che la crisi che ci accompagna e continua ad accompagnarci dal 2008, ha messo in ginocchio.  Non quindi  il contrario, come è avvenuto finora.
Perchè è indubbio che  i tanti suicidi di piccoli imprenditori sono  davvero sulla coscienza di uno Stato che dovrebbe  essere senza se e senza ma  al servizio dei cittadini . Pensateci: basterebbero controlli più severi e una piccola multa in proporzione alla somma evasa, per far entrare nelle casse dello stato fior di euro. Sarebbero tutti contenti: i cittadini onesti e quelli che si ritrovano, vuoi per furbizia, vuoi per reale difficoltà economica,   a pagare dieci volte tanto a distanza di   soli pochi anni dalla contestazione . Ripeto: questa è usura, questo è terrorismo psicologico. Uno stress senza fine. Perchè non c’è italiano che la mattina , uscendo di casa per andare al lavoro ( per chi ce l’ha), non guardi con terrore alla buca delle lettere, sperando di non essere colpito e affondato.
Insomma, invece di dire che Equitalia non arriva al 2018,  fossi stato nel Presidente del consiglio  mi sarei mosso immediatamente per non farla arrivare a mangiare nemmeno il panettone . Cioè, tra pochi mesi. A meno che le parole di Renzi  non si riducano   all’ennesima trovata elettorale. Ma insomma, per una volta non voglio crederlo. Ormai Matteo si è scoperto, non puo’ più tirarsi indietro.

Pubblicato il: 19 Mag, 2016 @ 04:30