UN ASTEROIDE SFIORERA’ LA TERRA

DI ANTONIO AGOSTA

Nella notte tra il 31 agosto, a partire dalle 21.30, e il 1 settembre, l’asteroide 3122 Florence, battezzato in onore di Florence Nightingale, la ”signora con la lanterna” della guerra di Crimea, britannica, fondatrice della moderna infermieristica, transiterà a circa sette milioni di chilometri dalla Terra, 18 volte la distanza tra il nostro pianeta e la Luna, dal diametro di 4,3 chilometri, più grande della cometa esplorata da Rosetta. Questo incontro, relativamente vicino, ci offrirà l’opportunità di studiarlo in modo più ravvicinato.

Classificato come potenzialmente pericoloso, con una magnitudine compresa generalmente tra 15,5 e 19,5, fu scoperto il 2 marzo 1981 da Schelte John Bus, un astronomo statunitense che si trovava nell’osservatorio di Siding Spring. La Nasa precisa che non ci sono rischi che ci possa cadere addosso, né adesso né nei secoli che verranno, semmai sarà un passaggio veloce e visibile attraverso un binocolo o un piccolo telescopio anche dall’Italia, con una vista maggiore nella zona dell’Acquario alla minima distanza, anche se la Nasa ha organizzato i radar nei punti di osservazione in California e a Puerto Rico.
Il grosso sasso, come è stato ironicamente chiamato, si sta spostando verso nord per raggiungere le altre costellazioni: quella del Capricorno, dell’Acquario, del Delfino, della Freccia e del Cigno. Dalla sua luminosità è stato possibile notare la sua continua rotazione su se stesso in poco più di due ore. Secondo il Center for Neo Studies della Nasa, dal suo transito sarà possibile ottenere immagini ad alta risoluzione che metteranno in luce dettagli fino a 10 metri.

L’asteroide è un corpo celeste simile al pianeta terreste, composti per la maggior parte di ghiaccio, non ha una forma sferica. Sono presenti nel sistema solare a grandi quantità, alcune stime superano il milione. Ogni anno tra le 100 e le 500 rocce spaziali, di piccole dimensioni, precipitano sul nostro pianeta senza lasciare tracce. Sono minime le probabilità di essere colpiti da un corpo celeste accidentale. Possiamo dormire sonni tranquilli e camminare senza tenere il naso all’insù.

Ormai mancano poche ore allo spettacolo spaziale. Tutti pronti con gli occhi al cielo a scrutare il suo passaggio, quasi fosse una caccia all’asteroide per gli appassionati e per gli astronomi, in attesa dell’altro asteroide, 2012 TC4, che ‘sfiorerà’ la Terra a ottobre.

L'immagine può contenere: notte