COREA DEL NORD: SESTO TEST ATOMICO

DI ENNIO REMONDINO

https://www.alganews.it

Sesto test atomico della Corea del Nord che provoca un terremoto del 6.3. Altro sisma del 4.6 poco dopo. L’esplosione sotterranea a 10 km di profondità è avvenuta esattamente a mezzogiorno ora locale. Seguita forse dallo scoppio di un secondo ordigno che ha provocato un terremoto più ‘leggero’, o forse dovuto ad un crollo che ora fa temere la dispersione di radiazioni. Seul convoca riunione d’emergenza per la sicurezza e attiva il ‘team di risposta’. Shinzo Abe manda i jet giapponesi a misurare le emissioni radioattive.

Terremoto anche politico non solo in Corea ma sul mondo. Una scossa di terremoto del 6.3 scuote la Corea del Nord e i timori dei pessimisti diventano realtà: Kim Jong-un ha lanciato un nuovo test atomico, il sesto. Il balzo dei sismografi ha immediatamente fatto scalatore lo stato di allerta militare nel Pacifico. A Seul il presidente pacifista Moon jae-in convoca il Consiglio di sicurezza e l’esercito sudcoreano alza il livello d’allerta predisponendo l’attivazione del “team di risposta” alla minaccia atomica. Dal Giappone il premier Shinzo Abe manda in volo i jet a misurare le possibili radiazioni.
Un secondo terremoto del 4.6 si ripete nello stesso sito, e l’alternativa è tra paura e incubo: un secondo ordigno nucleare, oppure, il crollo del tunnel nel sito di Punggye-ri dove è avvenuta la prima esplosione, col rischio di fuga di radiazioni? Mancano ancora risposte.

CONTINUA SU REMOCONTRO:

Corea del Nord sesto test atomico