VENEZIA 74. GEORGE CLOONEY: VACANZE IN LAGUNA

DI ITALO MOSCATI

Bisogna domandarselo. Il problema dei sorrisi è cresciuto col tempo , nonostante tutti gli sforzi dI quasi tutti i direttori tesi a correggere poco poco una tendenza lenta a tramontare. Sui sorrisi sperati o sognati, timidi timidi, domina la seriosità della tradizione che risale a Luigi Chiarini detronizzato nel maggio ’68 dalla rivolta dei contestatori e dai tagliateste istituzionali. Seriosa era anche la Mostra del Fascismo. Tra i tentativi di correggere la tendenza al ritegno eccessivo e alla stagnante mancanza di sorrisi da molti anni ormai, quello più usato sono gli inviti reiterati ai divi hollywoodiani o anche pressapoco. Dopo Redford e Jane che hanno verbalmente, sottilmente, romanticamente “pomiciato”, è venuto al Lido il superdivo e regista George Clooney, accompagnato dalla moglie,superavvocato., Amal Alamuddin, con i figli gemelli. Per presentare “Suberibicon”, in concorso, film contro il razzismo. Il regista Clooney ama i temi sociali e politici, come dimostrò con il bel film “Good night and good luck” sul giornalista famoso Dan Rader allontanato dalla tv quando c’era la guerre del Vietnam perché troppo autonomo nelle cronache e nei commenti. Era ripeto un bel film, dentro la tradizione americana di solidità nelle denunce. Clooney è un regista chiaro e risoluto, ma non oltrepassa i limiti consentiti, riesce a farsi rilasciare la licenza di di critica. La denuncia è seria, non ci sono sorrisi ma c’è la forma seduttiva, accattivante, per cui la forma narrativa non va oltre, non è smodata. Ecco che spunta la logica di un divo-regista che non sbaglia tono, conosce il pubblico democratico americano, sa come conquistarlo col sorriso di un garbato predicatore. E’ americano. Va a cena a Venezia in un ristorante molto famoso, abita in un albergo famoso. E’ ricco e amato, non ha nulla o poco da farsi perdonare, specie ora che al comando della nazionc c’è Trump,. grossier come un hamburger di Mac Donald. Democratico intelligente, baciato dalle donne, lento a scegliete la donna da sposare e con cui fare i figli. Insomma, compare e scompare come un sorriso giudizioso. E tutti sono tutti contenti, più o meno. Che chiedere di più…