FUOCHI D’ARTIFICIO MA NIENTE GUERRA. D’ACCORDO USA PECHINO MOSCA

DI ENNIO REMONDINO

https://www.alganews.it

Con la Corea del Nord non si arriverà a una guerra. Lo dicono i tre grandi al capezzale del despota malato di bombe atomiche. Mentre la Corea del Sud annuncia l’installazione di batterie antimissile, prosegue il dialogo tra Usa, Russia e Cina su sanzioni e trattative. Putin protagonista nel calmare le acque. E il presidente americano ora dichiara ‘l’azione militare non è inevitabile’.

Corea anche questione russa
Il ministero della Difesa sudcoreano ha annunciato il completamento dell’installazione «preliminare» delle 4 nuove batterie antimissile americani Thaad alla nuova base di Seongju, a 300 chilometri a sud di Seul. Una misura considerata «urgente» per le minacce di Pyongyang.
Non sono contente Cina e Russia, Paesi confinanti con la Corea del Nord. Il vice ministro degli Esteri di Mosca, Sergey Ryabkov, già prevede un necessario controbilanciamento delle forze. Quindi, anche sulla Corea, la partita dell’Occidente sulla Russia.
Tensioni ad occidente che accrescono le vicinanze orientali, con Pechino che ha espresso più di una volta il suo malcontento per le azioni degli USA e la Corea del Sud. E nel triangolo Usa, Cina, Russia, non sono gli Stati Uniti ad essere in vantaggio.

Solo nuove sanzioni
Ma la guerra in Corea del Nord non ci sarà. Ad affermarlo sono in successione il presidente sudcoreano, Moon Jae-in, e quello russo, Vladimir Putin, al forum economico di Vladivostok. Intanto, la Cina annuncia che appoggerà nuove misure contro Pyongyang, a patto che siano associate al dialogo. Gli Stati Uniti e altri Paesi, premono infatti per nuove decisioni punitive Onu. La Russia resta invece ferma sulla certezza che le sanzioni siano inutili, con motivazioni strategiche chiare descritte sopra. E l’Unione europea pensa a proprie sanzioni, discusse in un incontro informale dei ministri dei ministri di Esteri e Difesa a Tallinn. Ovviamente Pyongyang, tramite la sua delegazione a Vladivostock, promette “potenti contromisure”, ma è parte dei ruoli in commedia.

CONTINUA SU REMOCONTRO:

Fuochi d’artificio ma niente guerra, d’accordo Usa Pechino Mosca