STUPRO DI FIRENZE. IL SINDACO NARDELLA ESTERNA. ED È SUBITO POLEMICA

DI DINO GIARRUSSO

Breve storia molto triste:

-A Firenze pare che due turiste americane siano state stuprate da due carabinieri;

-Le turiste avevano bevuto (cosa che per inciso, rendendo minore la capacità di difesa, può essere considerata un’aggravante in caso di stupro);

-Si scatena una canea penosa e densa di ripicche fra commentatori noti e anonimi. Qualcuno arriva a scrivere cose tipo “le due troie si erano ubriacate” sottintendendo -dico davvero- un’eventuale colpa nella brutta vicenda;

-Il sindaco di Firenze Dario Nardella se ne esce invece con l’incredibile commento “il fatto ha riacceso i riflettori anche sul modo con cui i giovani studenti stranieri vivono la nostra città. Devono sapere che Firenze non è una città da sballo”;

-Se lo avesse detto un sindaco della Lega, di Forza Italia o del M5S sarebbe scoppiata l’apocalisse in certe pagine Facebook, certi profili Twitter e certe prime pagine di quotidiani domani, con largo uso della parola “fascista”;

-La miopia selettiva fa sì, invece, che nessuno si accorga del colpo di genio del sindaco Nardella, e in rete gli indignati a intermittenza parlino d’altro;

-L’Italia nel 2017 questa è. E noi tutti siamo italiani.

Fine.