IN GERMANIA LA LEGGE CONTRO I POST OFFENSIVI SUI SOCIAL NETWORK

DI MARTA ECCA

In Germania è entrata in vigore la prima legge al mondo contro l’hate speech e i post offensivi sui social network.
Facebook, Twitter, You Tube, Instagram, saranno costretti a cancellare i contenuti offensivi, diffamatori, e ad agire sui profili degli autori, pena multe salatissime che superano i milioni di euro.
Lasciar correre è sbagliato, e sbagliato è appellarsi alla libertà di opinione per giustificare comportamenti violenti che, come ha chiarito il Ministro tedesco uscente, ha portato a un aumento del 300% dei crimini legati all’odio.
Perchè l’odio sul web nasce dalla realtà e nella realtà ricade.
E’ tutto un anti: anti-migranti, anti-lgbt, anti-donne, anti-poveri, anti-ultimi.
Anti-liberale, anti-democratico.
E visto che chi non rinuncia alla propria pacifica opinione e a un utilizzo sano degli strumenti di comunicazione a disposizione è esposto al peggio e sprovvisto di strumenti efficaci di difesa, perchè la denuncia alla polizia postale non basta e spesso si rivela inutile, l’Italia potrebbe seguire a ruota la Germania. Per una volta, dico.
E’ una questione di civiltà, e la stiamo perdendo un pezzo alla volta.

Risultati immagini per IN GERMANIA LA LEGGE CONTRO I POST OFFENSIVI SUI SOCIAL NETWORK