LADY KIM, LA GRANDE SORELLA DELLA DITTATURA

DI MARCO MASTRANDREA

La grande sorella del grande fratello. Chi è Lady Kim? Il volto femminile di una famiglia al potere. Kim è una ragazza di 30 anni che entra al Politburo e gestisce l’immagine del fratello dittatore, cura la cassa di famiglia e controlla economia e nucleare nel paese. Sarebbe lei la stratega del violentissimo omicidio dello zio. Come cambia l’asse interno del potere nella famiglia della dittatura coreana.

Chiamatela pure Lady Kim. Kim-Yo-jong, sorella di Kim Jong-un, sei anni fa piangeva la morte del padre Kim Jong-il, oggi, è la donna più potente della Corea del Nord dopo la madre, Ri sol-ju. Kim è la responsabile della propaganda e da oggi fa parte del ristrettissimo Politburo, ad appena 30 anni. Al fianco del fratello e di pochi uomini fidatissimi, sarebbe la stratega del delitto Kim Jong-nam, il suo stesso fratellastro, unico ipotetico contendente al trono. E’ sempre lei a proteggere l’immagine del fratello, monitora i suoi spostamenti, si occupa di economia ed è stata inserita nella lista nera del ministero del tesoro Usa per “gravi abusi dei diritti umani”. Sarebbe responsabile anche per quanto riguarda l’omicidio dello zio Jang Song-thaek, dialogatore con Pechino, potente marito della sorella di Kim Jong-il nonché cassiera della famiglia, ruolo che oggi è passato nelle mani di Kim-Yo-jong.

Insieme a Kim Yo-jong entrano nel Politburo il ministro degli Esteri Ri Yong Ho, già al centro delle polemiche, Kim Jong Siki e Ri Pyong Chol, legati allo sviluppo del programma missilistico. Il segnale è chiaro: Kim vuole lavorare sulla propaganda, la diplomazia e il riarmo. Per oggi, visto che può costruire e disfare le stanze dei bottoni un po’ quando gli pare.

CONTINUA SU REMOCONTRO:

Lady Kim, la grande sorella della dittatura