CATALOGNA, PERICOLOSA SITUAZIONE SURREALE

DI VANNI CAPOCCIA

Quello scriteriato del presidente catalano Puigdemont per uscire dal cul de sac dove si è ficcato da solo aveva una sola possibilità: forzare la situazione provocando la reazione del governo spagnolo così da sembrare vittima e non quello che è: un incapace. Il premier spagnolo Rajoy pare intenzionato ad offrirgli l’occasione di diventarlo attaccandosi a leggi e norme. Invece di parlare a tutti gli spagnoli, catalani compresi, con saggezza e spirito unitario invitandoli a guardare e a costruire insieme il futuro. Intanto l’Unione europea e i leader degli stati membri tacciono, fingono che sia solo un problema interno spagnolo e non anche europeo. Fanno gli struzzi e nascondono la testa sotto la terra lasciando che il fuoco covi sotto la cenere, dimentichi di quello che è successo in Yugoslavia e di quello che sta succedendo in Ucraina.