IL CENTRO SINISTRA SENZA PROGRAMMA CONDIVISO

DI MARCO SAPPINO

https://www.alganews.it

La mia opinione è che il centrosinistra (come l’abbiamo inteso e conosciuto per una lunga stagione) sia morto e sepolto. Le politiche del governo Renzi e il suo “stile” di governo hanno fatto volutamente e perfino coerentemente terra bruciata a sinistra. Dove sia, cosa sia una sinistra credibile, io ancora non la vedo, come la Sicilia certifica. Ma mi pare evidente che l’espansione del renzismo si sia, a dir poco fermata, segnata ormai da una serie di sconfitte plateali. Credo che Renzi non abbia alcuna possibilità come presidente del Consiglio in pectore di prendere voti nell’area che si è ritratta dalle urne e/o lo contesta apertamente non condividendo le sue scelte. Fosse un’area del 5 oppure del 10 per cento, non appoggerebbe una sua investitura. Ora la paura di perdere e consegnare l’Italia al populismo della destra avrebbe convinto il segretario del Pd a cercare alleanze anche laddove meno gli garba. In politica però la credibilità non si improvvisa. Lo dico personalmente agli stessi impegnati nel costruire un soggetto, una lista, un accordo a sinistra. Finché non c’è un programma condiviso, non c’è un rinnovamento nelle candidature, io non vedo un vero cambiamento.