IL PD HA PERSO DI VISTA IL PAESE

DI FLAVIA PERINA

Ho l’impressione che, come già è accaduto con il referendum costituzionale di un anno fa, il segretario del Pd abbia perso largamente di vista il Paese, i suoi umori profondi e il senso di rifiuto che in Italia è cresciuto di fronte alle politiche prodotte dai governi a trazione Pd.
Mi pare che su questo non ci sia nessuna capacità di analisi, al di là del dibattito sterile e superficiale sulle leadership e sui nomi e cognomi.
Il Pd e le sue politiche di questi anni, che peraltro i suoi dirigenti continuano a rivendicare in ogni occasione, sono del tutto incompatibili con la prospettiva e il percorso che Sinistra Italiana sta disegnando insieme ad altre forze politiche della sinistra, dei movimenti e del mondo dell’impegno civico.
La prospettiva della lista e dell’iniziativa che vogliamo costruire è chiaramente alternativa al Pd.
Saranno poi gli elettori a dire la propria e a dare un giudizio.