SCONVOCATA L’ASSEMBLEA DEL 18 AL BRANCACCIO DA FALCONE E MONTANARI

DI PAOLO FERRERO

Leggo che Falcone e Montanari hanno sconvocato l’assemblea del 18 che avrebbe dovuto proseguire il percorso cominciato con l’assemblea del Brancaccio. Leggo che Montanari dà la colpa ai partiti, ovviamente distribuita un po’ di qua e un po’ di la… Alla veneranda età di 57 anni mi sono un po’ annoiato di questa ignavia: l’unica colpa di Rifondazione Comunista è quella di aver creduto che le cose dette al Brancaccio fossero vere. Effettivamente crediamo che sia necesario dar vita ad una lista unitaria di sinistra, antiliberista, in discontinuità con le politiche del centro sinistra e per questo che non veda candidati coloro che sono stati protagonisti dei governi di centro sinistra negli ultimi trent’anni. Crediamo addirittura che candidati, leader, simboli, etc etc possano e debbano essere decisi in modi democratici, con il criterio “una testa un voto”, al di fuori delle segreterie dei partiti o di chi si autonomina rappresentante della società civile. Crediamo cioè che una lista di sinistra debba essere di sinistra e frutto di un percorso democratico. Lo pensavamo al Brancaccio e il nostro gravissimo errore è di continuare a pensarlo…

Risultati immagini per L'ASSEMBLEA DEL 18 AL BRANCACCIO DA FALCONE E MONTANARI