MA DOV’E’ LA DESTRA, DOV’E’ LA SINISTRA…FORSE MEGLIO UN PREGIUDICATO

DI GIANFRANCO ISETTA

Si avvicinano le elezioni e con esse la ricerca spasmodica di costruire coalizioni, utili a vincerle, mobilitando risorse di qualsiasi tipo.
Da ogni parte lo spauracchio sembra essere il Movimento 5 stelle al punto che il vegliardo e ormai “stanco” Eugenio Scalfari è arrivato a dire di preferire Silvio Berlusconi a Luigi Di Maio.
Cioè meglio un pregiudicato, condannato per reati gravi contro l’interesse pubblico, pur di arginare il pericolo “populista” (come lui, con altri, li definisce) e magari dare una mano al partito renziano che ovviamente non riesce a concludere accordi a sinistra malgrado il lancio del Ponte di Fassino.
E allora viene rilanciata la questione del “se esistano ancora una destra e una sinistra” come una certa vulgata politico-giornalistica interessata vuol farci credere, per preparare il terreno al futuro accordo PD-Forza Italia e rispettivi ammennicoli.
Se accostiamo quest’ultima sortita dell’immemore Eugenio, sostenitore del PD, su Berlusconi a quella, di qualche tempo fa, della M.Elena Boschi, che ebbe a affermare di preferire Fanfani a Berlinguer, un cosa appare sempre più chiara:
certamente la sinistra, pure in difficoltà e spezzettata, comunque non abita da quelle parti. E anche questo è un ulteriore elemento di chiarezza.

Risultati immagini per FANFANI E BERLINGUER