LE MALEFATTE DEL PD. E PERCHE’ VOTARE PER LIBERI E UGUALI

DI PAOLO BROGI

Basta con questo equivoco che il Pd renziano sia di sinistra. Il Pd renziano è di destra. Con qualche smagliatura a sinistra. Ma il cerchio magico è solidamente ancorato a valori liberisti di destra e a pastrocchi reazionari.
E’ il partito che riporta il re con un C130 dell’aereonautica militare, che fa suonare il silenzio e permette schiocchi di tacchi tra i militari che omaggiano i Savoia, il peggio che abbia avuto l’Italia.
E’ il partito che senza un minimo di dibattito parlamentare ora decide di inviare truppe in Niger.
E’ il partito che punta su un accordo con Berlusconi.
E’ il partito che evapora colpevolmente in aula quando arriva la legge sullo ius soli.
E’ il partito che col job act ha portato a compimento un piano di precarizzazione eterna dei poveri giovani italiani.
E’ il partito che promuove i responsabili del massacro messicano di Genova, fottendosene che siano stati condannati..
E’ il partito che promuove i responsabili dell’ordine pubblico indagati per i disastri torinesi.
E’ il partito che sulle banche ha mostrato un conflitto d’interessi pazzesco e impunito.
E’ il partito che ha elaborato un piano di scuola lavoro che urla vendetta.
E’ il partito che vede il fior fiore della gioventù italiana scappare all’estero.
E’ il partito che continua a gestire peggiorandolo il sistema delle pensioni Fornero.
E’ il partito che permette al ministro della sanità di affossare ulteriormente la sanità pubblica.
E’ il partito che ha perso il referendum del 4 dicembre e ha fatto finta di nulla.
E’ il partito che ha avallato un attacco osceno alle Ong accusate di essere dalla parte degli scafisti e che ha realizzato un accordo capestro con un pezzo di Libia, utilizzando la legge Bossi Fini (/art 11) per schierare le navi militari e bloccare i migranti, nascondendo la condizione mostruosa di decine di migliaia di povericristi regalati ai lager in mano ai tagliagole libici.
E’ il partito che ha varato i daspo contro i poveracci delle città, in un sussulto di perbenismo idiota.
E’ il partito che se la fa con i Verdini e gli Alfano.
E’ il partito che ha distrutto le sovrintendenze alle belle arti, sostituendole con personale pronto a tutto meno che alla tutela dei beni culturali.
E’ il partito dell’affarismo che emerge da un’infinità di atti.
E’ il partito che non vuole rapporti con chi gli sta a sinistra e non ha mai cercato accordi in questo senso.
E’ il partito che governa con metodi poco democratici, ricorrendo progressivamente al voto di fiducia e alla decretazione d’urgenza. Il governo attuale ne è stato l’esempio più chiaro: 31 voti di fiducia in un anno, un record rispetto ai governi precedenti che peraltro non avevano scherzato su questo punto.
Potrei continuare ancora…
Ma forse basta per chiedersi come sia possibile per un elettore di sinistra votare per un simile aggregato. A meno che la strategia non sia quella degli struzzi.
Non mi sento uno struzzo. E voterò a sinistra, al momento non ho difficoltà ad indicare in Liberi e Uguali una scelta corretta.
Saluti a casa.