IL NAPOLI VINCE A CROTONE ED E’ CAMPIONE D’INVERNO

DI VINCENZO PALIOTTI


Il Napoli ha vinto a Crotone con il minimo scarto 1 a 0, con una rete del ritrovato Hamsik. Gli azzurri con questo risultato sono campioni d’inverno, come accadde due anni fa. Sarri ha schierato i titolarissimi sostituendo il solo Mario Rui squalificato con Maggio, schierato sulla fascia destra mentre Hysaj ha coperto la sinistra. La squadra di Sarri ha subito, nei primi dieci minuti, la pressione del Crotone che bloccando le fonti del gioco partenopeo ne ha limitato la solita partenza veloce. Solo dieci minuti però, giusto il tempo che il Napoli ha speso per trovare le giuste misure per mettere poi in campo il suo gioco abituale fatto di possesso palla, di fitti passaggi e verticalizzazioni improvvise con Jorginho ed Hamsik, coadiuvati da un Allan in condizione strepitosa, padroni del centrocampo. Ed il gol di Hamsik è arrivato al minuto 17 il terzo nelle ultime tre partite, gol che ha suggellato la supremazia della squadra di Sarri. Il Napoli ha cercato il raddoppio ma un po’ per la bravura del portiere Cordaz e molto per imprecisione nell’ultimo tocco il risultato si è fissato sul minimo scarto e così si è andati al riposo. Nella ripresa il Crotone è entrato in campo con un piglio diverso, meno dimesso e più aggressivo ma la difesa del Napoli, che nel primo tempo non aveva concesso nessun tiro in porta, ha retto bene arginando con autorevolezza ed anticipo i tentativi di attacco del Crotone. Sarri a metà tempo ha sostituito un insigne non al meglio con Zielinsky e Jorginho, che ha corso molto, con Diawara. La mossa ha dato i suoi frutti perché il Napoli con i due nuovi in campo ha ritrovato il gioco e qualche occasione sventata da Cordaz in serata di grazia. Il Crotone da parte sua ha impensierito Reina prima con un bolide da lontano di Stoian che passa a un palmo dal palo di Reina, poi ci riprova Crociata sempre dalla distanza ma Reina è pronto e mette in angolo. Per la cronaca i due tiri sono state le sole conclusioni a rete dei calabresi in tutta la partita. Infine Mertens, anche oggi con le polveri bagnate, ha lasciato il posto a Rog. La partita è scivolata fino alla fine con il Napoli che ha ben controllato le ultime velleità del Crotone, Koulibaly e Maggio tra i migliori. Un solo brivido per il Napoli al minuto 48 quando Maggio si è scontrato con Ceccherini in area del Napoli ma l’arbitro non ha ravveduto nessuna irregolarità. La partita si è chiusa quindi con una vittoria esterna del Napoli, la nona su dieci gare, unico pareggio con il Chievo, racimolando 28 punti contro i 20 totalizzati in casa. Il Napoli è l’unica squadra di tutti i campionati in Europa ad essere imbattuta in trasferta, l’ultima sconfitta degli azzurri risale al lontano 29 Ottobre del 2016, a Torino con la Juventus. Sono numeri importanti come i 96 punti che il Napoli ha raggiunto nell’anno solare, numeri che legittimano il titolo di campione d’inverno e le ambizioni di lottare per la vittoria finale.