PER IL CAPOGRUPPO M5S A ROMA IL PD E’ DA BRUCIARE

DI VANNI CAPOCCIA

Paolo Ferrara – capogruppo del Movimento Cinque stelle al Comune di Roma e, quindi, suo importante esponente – ha pubblicato un video nel quale si vede una tessera Pd che viene bruciata. Per giustificarsi ha detto che non è stato lui a farlo, ma ciò non fa nessuna differenza perché il gesto rimane.

Così come rimane l’intenzione. Le tessere di partito sono degli importanti simboli di appartenenza. Talmente significative che a volte le bruciano platealmente degli iscritti. Abbandonando il loro partito marchiano in questa maniera, sbagliando, il loro strappo.

Ma Paolo Ferrara non si trovava in questa situazione, lui ha voluto dire che il Pd è da bruciare. E quando un esponente politico che rappresenta i cittadini italiani in un luogo della democrazia compie un atto come il suo vuol dire che non ha il senso della democrazia. Vuol dire che non è degno di rappresentare il suo partito in nessun posto e con nessun ruolo.