MATURITA’ 2018: GRECO AL CLASSICO MATEMATICA ALLO SCIENTIFICO

DI CHIARA FARIGU

L’annuncio ufficiale alle ore 13, sul sito Miur, che per alcuni minuti è andato letteralmente in tilt. Queste le seconde prove scritte dell’esame di maturità: greco al classico e matematica allo scientifico. Erano quelle più attese in assoluto, scontata, la prova di matematica, prevedibile quella di greco vista la sua alternanza, negli anni con lo scritto di latino.

La data d’inizio per la prima prova scritta di italiano rimane fissata al 20 giugno, ma già fioccano in rete gli argomenti papabili su cui potrebbero convergere le scelte dell’ultima ora.

E’ una maturità particolare questa datata 2018, l’ultima con queste modalità e caratteristiche. Dal 2019, come stabilito dai decreti delega della L.107 o #buonascuola gli esami cambiano veste. Si rinnovano i criteri di ammissione e di svolgimento. Per essere ammessi i maturandi devono aver conseguito la sufficienza in tutte le materie e frequentato le lezioni per almeno tre quarti dei giorni stabiliti. Partecipato alle prove Invalsi e frequentato il periodo di alternanza scuola-lavoro, divenuta croce e delizia per la stragrande maggioranza degli studenti. Addio alla terza prova, valida ancora solo per quest’anno in corso, vale a dire il questionario a domande multiple, appannaggio delle Commissioni. A cambiare anche la valutazione: al voto finale si giungerà sommando i 40 punti del rendimento scolastico degli anni precedenti, più i 60 delle tre prove (i due scritti e l’orale, 20 per ciascuno). Ma, come detto, tutto questo a partire dal 2019.

Nel sito Miur, oltre all’elenco di tutte le materie per i vari licei e istituti professionali e tecnici viene riproposto anche il progetto #NoPanic, l’iniziativa, già sperimentata lo scorso anno con suggerimenti e consigli di esperti su come affrontare serenamente le prove.

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute, tabella e spazio al chiuso