SALVINI CANDIDATO AL SUD? PRIMA GLI ITALIANI…DEL NORD

DI RAFFAELE VESCERA

Il segretario della Lega Nord Salvini, secondo l’annuncio del capo calabrese dei salviniani, si candida in Calabria, mentre in Lombardia candida Bossi, condannato per appropriazione indebita di 48 milioni di euro. Dopo i continui e numerosi insulti ai meridionali, perpetrati per decenni, dopo la distruzione dell’economia meridionale programmata a tavolino dalla Lega, al grido di “Prima il Nord”, e messa in atto di vari governi, allo scopo di favorire il Nord, nel lavoro, nei trasporti, la salute, le università, gli asili etc. ecco la beffa del capo di un partito razzista e antimeridionale, per ammissione dello stesso Tosi, ex sodale di Salvini, che si candida al Sud.     E’ una provocazione da respingere. Lasciarsi abbindolare dalle promesse del capo di un partito nemico del Sud sarebbe suicida per la nostra terra. Lasciamo che a votare la Lega Nord nelle regioni meridionali siano quei pochi sconsiderati razzisti di provenienza neofascista che condividono il programma salviniano insieme a qualche trombato del centrodestra in cerca di nuove candidature.                                                                              Qualcuno pensa che l’autonomia regionale proposta dalla Lega Nord possa favorire anche il Sud, ma quale autonomia può mai dare il carnefice alla vittima se non quella di scegliere di che morte deve morire? Pensare a una possibile intesa con Salvini è un suicidio assistito da uno stato avverso al Sud.