A CASA TUTTI BENE. LA FAMIGLIA SECONDO GABRIELE MUCCINO

DI ELISABETTA VILLAGGIO

Un cast eccezionale per “A casa tutti bene“, il nuovo film di Gabriele Muccino, che rappresenta il ritorno al cinema italiano per il regista che ha vissuto dodici anni negli Stati Uniti, a Los Angeles, e dove ha girato cinque film. A casa tutti bene racconta la storia di Alba, Stefania Sandrelli, e Pietro, Ivano Marescotti, che per festeggiare cinquant’anni di matrimonio, le nozze d’oro, invitano sull’isola, dove ormai da anni si sono trasferiti, i loro tre figli Carlo, Pierfrancesco Favino, Paolo, Stefano Accorsi, e Sara, Sabrina Impacciatore, con le loro famiglie attuali ed ex. L’invito è solo per un pranzo ma si alza il mare e i traghetti non possono arrivare così l’allegra brigata, composta da nonni, genitori, figli, nipoti, cugini, amici, mogli ed ex mogli, è costretta a rimanere creando un certo scompiglio. Dall’allegria iniziale si scatenano rancori mai assopiti, gelosie, inquietudini, debolezze e anche una ricerca di felicità non sempre facile da raggiungere.
Un film corale sulla famiglia come luogo dove regna l’affetto ma anche il luogo dal quale si vuole scappare perché crea disagio, tensione e diventa una gabbia dalla quale fuggire ma dove poi, inevitabilmente, si torna perché non se ne può fare a meno: lì ci sono le nostre origini, la nostra forza e la nostra debolezza e la storia si ripete cadendo negli stessi errori. La famiglia che è come un’isola: un luogo di sogni, della giovinezza che non si vorrebbe perdere, ma un’isola, esattamente come la famiglia, può diventare una trappola che ti mette davanti alla tua vita e non ti lascia andare via ma ti sequestra. Il mare in tempesta che non lascia attraccare i traghetti è una metafora della vita: non si è mai tranquilli ma sempre in agitazione per qualcosa proprio perché la vita è fatta così. Possiamo cercare di lasciarci dietro i problemi, le tensioni e fuggire via ma poi siamo costretti a rivedere le nostre posizioni e affrontarle.
Muccino ne L’ultimo bacio aveva raccontato i trentenni che ancora si sentono figli qui racconta i quaranta-cinquantenni che hanno subito batoste, hanno vissuto delusioni, cercano di rimanere attaccati ai sogni giovanili non riuscendoci perché la vita è difficile e mai normale come viene detto in una battuta del film.
Girato interamente a Ischia che entra con forza nel film con i suoi bellissimi scorci e paesaggi, con la sua luce intensa, con il mare di sfondo e il vento che muove i capelli ma anche i sentimenti, e quella magia che forse solo le isole riescono a trasmettere. Nel cast anche Carolina Crescentini, Valeria Solarino, Claudia Gerini, Massimo Ghini, Sandra Milo, Gianmarco Tognazzi, Giulia Michelini, Giampaolo Morelli, Elena Cucci. La bellissima colonna sonora è firmata da Nicola Piovani. Il film, scritto dallo stesso Muccino con Paolo Costella e la collaborazione di Sabrina Impacciatore, è nelle sale dal 14 febbraio.