E’ LA STAMPA, BRUTTEZZA

DI GIANFRANCO MICALI

Ho visto il magnifico “The post” di Steven Spielberg che pare il seguito ideale de L’ultima minaccia, in cui Humphrey Bogart pronunciava la celebre frase : “E’ la stampa bellezza!”. Due film celebranti il valore e l’importanza del giornalismo. In “The post” ,poi, è superbamente interpretata da Meryl Streep, Katharine Graham, coraggiosa editrice del Washington post al tempo di Nixon .
E, per questo, sono uscito dal cinema fortemente amareggiato, costretto a paragonarla a quasi tutti gli editori italiani, per i quali le notizie sono significative soltanto se gratificano i potenti al Governo. La Graham e il direttore Bradley, con un giornale tutt’altro che solido economicamente, sfidarono allora, vincendo, un Nixon cattivissimo e nel pieno dei suo poteri, e più tardi con il caso Watergate lo costrinsero addirittura a lasciare la Casa Bianca.
Ecco, pensate per un attimo agli incontri mattutini di De Benedetti con un politico della stazza di Matteo Renzi, e traete le somme dello stato in cui è ridotta oggi la stampa in Italia.