LIBRI. UOMINI CHE RESTANO DI SARA RATTARO

DI ELENA PINTORE

Il nuovo libro di Sara Rattaro è pubblicato da Sperling & Kupfer il giorno prima della festa che celebra l’amore.

Uscito nelle librerie il 13 Febbraio 2018, quasi a voler mettere in luce l’altra faccia della medaglia, quello dell’amore imperfetto e improbabile che quasi mai viene preso in considerazione in questo periodo dell’anno.

Fosca e Valeria sono le protagoniste del romanzo ambientato tra Milano e Genova, ma solo in quest’ultima città le vite delle due donne si intrecceranno.

Ognuna con un bagaglio di delusione e sofferenza diventeranno àncora di salvezza e consolazione l’una dell’altra, perché si sa che il dolore degli altri è più comprensibile e giustificabile rispetto al proprio pertanto è più facile consolare.

Il loro incontro casuale ed insolito avviene sul tetto del palazzo in cui vivono i genitori di Fosca e in cui Valeria si è trasferita da qualche anno.

Ciascuna delle due si rifugia per scappare da una esistenza che va a pezzi e in cui nessun paracadute attenua la caduta.

Fosca è in fuga da Milano, dalla verità sul suo matrimonio che non può accettare perché sarebbe come comprendere di far parte di una grande menzogna o meglio ancora, di un’opera teatrale messa in scena a sua saputa da tutta una vita.

Valeria è solare e piena di vita, ha un caschetto perfetto e un sorriso dolce dietro cui nasconde la delusione profonda nei confronti dell’uomo che ama e che non è stato abbastanza forte da sostenerla nella sua battaglia contro una grave malattia.

Uno sguardo più attento tra le protagoniste, rivela una sofferenza condivisa e da quel momento l’incontro fortuito sulla terrazza segnerà l’inizio di storia di una amicizia forte e vera.

Il primo sentore di tradimento è qualcosa che può risultare impercettibile a un occhio poco attento. Un gesto confidenziale come aggiustare il colletto della camicia, uno sguardo complice dopo una battuta o due mani che si allontanano di scatto. Si chiama confidenza. Invisibile, certo, ma, se sappiamo ascoltare, può fare molto rumore.”

L’amarezza che avvelena l’animo di Valeria e Fosca, sarà edulcorato da un reciproco sostegno che le renderà forti e battagliere, le loro vite non finiranno con un amore sbagliato, prenderanno solo un altro percorso e nessuna delle due può immaginare i risvolti inaspettati che le loro vite seguiranno.

Accettare che l’amore è eterno finché dura non è un luogo comune, per le due donne sarà il punto di partenza con cui ripartire con nuovi input e altre aspettative.

Avere il controllo sulla propria vita significa riuscire a evitare che il nostro destino dia retta a qualcun altro.”

Perdersi le porterà a ritrovarsi. Ad amare nuovamente e soprattutto ad accettare, se non perdonare, gli oltraggi subiti.

Ritornare a vivere è questo per Valeria e Fosca, volere bene a se stesse senza per questo annientare il loro trascorso di vita.

Compassione e crudeltà coabitano spesso. Per questo, a volte, distinguere un santo da un peccatore può sembrare un’impresa ardua.”

BIBLIOGRAFIA

Sara Rattaro, nata a Genova, Laureata in Biologia e in Scienze della Comunicazione, attualmente docente di scrittura creativa all’Università degli studi di Genova.

Ha pubblicato Sulla sedia sbagliata, Un uso qualunque di te, Non volare via (Premio Città di Rieti 2014), Niente è come te (Premio Bancarella 2015), Splendi più che puoi (Premio Rapallo Carige 2016), L’amore addosso, Il cacciatore di sogni.